Raccolta firme abrogazione finanziamento ai partiti

Giovedì 3 maggio l’Italia dei Valori raccoglie le firme per la proposta di legge d’iniziativa popolare volta a cancellare il finanziamento pubblico ai partiti mascherato da rimborso elettorale. Come in tutte le piazze d’Italia, anche a Crema, città al voto di maggio, i cittadini troveranno il nostro gazebo per firmare e fermare, una volta per tutte, lo “spreco immorale di soldi pubblici”. Come affermato dal leader dell’Italia dei Valori, Antonio Di Pietro, annunciando l’Open Day della campagna del partito ‘Giù le mani dal sacco’: “Eliminare il finanziamento pubblico ai partiti è l’unico modo per ristabilire la sovranità popolare tradita dopo il referendum del ‘93 e combattere alla radice la corruzione e il degrado che stanno affondando il Paese. Dalle parole bisogna passare ai fatti,la politica deve smetterla di continuare a far finta di niente, a voltarsi dall’altra parte e a essere distante dalle esigenze reali dei cittadini. Serve una scossa, un segnale di cambiamento. E’ per questo che da tempo abbiamo depositato in Cassazione un referendum per abrogare l’attuale legge sul finanziamento e una legge di iniziativa popolare che va nella stessa direzione”. Sabato a Crema al gazebo saranno inoltre presenti i candidati alle elezioni amministrative, che saranno a disposizione per rispondere alle domande dei cittadini; chiederemo loro di firmare la nostra proposta di legge d’iniziativa popolare per eliminare finalmente il finanziamento pubblico dei partiti. Tutti insieme possiamo evitare che la ‘vecchia politica’ vinca ancora, continuando a sfregiare la volontà degli italiani. L’elenco completo dei punti raccolta firme è consultabile sul sito www.italiadeivalori.it.

This entry was posted in News, Personaggi, Politica, rassegna stampa and tagged , , , , , , , . Bookmark the permalink.
  • silver price

    Perciò chiediamo a tutti i cittadini, già da oggi, di firmare la nostra proposta di legge d’iniziativa popolare per eliminare finalmente il finanziamento pubblico dei partiti. Tutti insieme possiamo evitare che la ‘vecchia politica’ vinca ancora, continuando a sfregiare la volontà degli italiani”.